50365
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-50365,theme-brick,cookies-not-set,select-core-1.2.1,woocommerce-no-js,brick-theme-ver-3.2,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,vertical_menu_enabled,vertical_menu_left,vertical_menu_width_290,columns-4,type2,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
 

COSA FACCIAMO

Come aiutiamo i partner

Aiutiamo i musei e le istituzioni culturali ad adottare una prospettiva più ampia, virtuosa e interdisciplinare legata a piani di sviluppo sostenibile e modelli di governance supportati da strategie personalizzate su obiettivi misurabili. I nostri progetti contemplano la sostenibilità economica, la responsabilità sociale, la sostenibilità ambientale, il rapporto con il territorio e con il turismo sostenibile, la salute e il benessere, l’utilizzo della tecnologia funzionale e delle dimensioni digitali.

 

Con la ratifica della Convenzione di Faro, il Governo italiano ha riconosciuto il patrimonio culturale come diritto ed elemento imprescindibile per la “crescita umana” e per la “qualità della vita”. Tutti possono esercitare il diritto all’eredità culturale e favorire un clima economico e sociale che promuova la protezione dell’eredità culturale basata su sviluppo sostenibile, approccio interdisciplinare e creatività contemporanea.

a
Il nostro approccio olistico

Grazie al nostro team, composto sia da professionisti di varie discipline di esperienza internazionale, sia da specialisti di governance culturale, di marketing e comunicazione, siamo in grado di andare incontro alle nuove necessità di una “società olistica” che spinge ad aprirsi a inediti stili di vita e di pensiero connessi a “nuovi desideri” sempre più immateriali e collegati a uno sviluppo sostenibile (sostenibilità ambientale, sociale ed economica) e a una ritrovata tendenza al bene collettivo. I nuovi piani strategici per i musei pongono l’individuo al centro dell’attenzione e la sua profilazione contempla la conoscenza del suo stile di vita.

I nostri punti di forza
  • La conoscenza del settore ci permette di comprendere in profondità le necessità e le opportunità del comparto culturale.
  • La nostra esperienza internazionale ci consente di gestire tutte le fasi (strategiche e operative) di un progetto artistico o di un piano di governance culturale con differenti enti e interlocutori. Il nostro team ha lavorato in 60 musei e 40 università di 27 paesi del mondo.
  • La competenza interdisciplinare del nostro team ci permette di ideare strategie di marketing culturale e non convenzionale verso le esigenze di nuovi pubblici, inediti obiettivi e approcci “umanistici” ed esperienziali. Il nuovo scenario in cui ci troviamo a vivere ha azzerato le profilazioni precedenti.
  • La nostra passione ci permette di credere in ciò che facciamo, di non risparmiarci e di avere una visione ampia e trasversale che ci consente di diventare partner dei nostri committenti.
Le attività del nostro format
  • Analizzare lo scenario e le possibilità in linea con l’ente culturale di riferimento (museo pubblico, museo privato, teatri, fondazioni pubbliche e private, e dimore storiche).
  • Profilare il pubblico dei musei e delle altre istituzioni culturali (dai target alle personas).
  • Identificare obiettivi specifici per ogni cluster di interesse.
  • Sviluppare e implementare strategie di marketing e comunicazione definite ad hoc.
  • Ideare e aprire le organizzazioni culturali a nuove funzioni, a innovazioni tecnologiche funzionali e alle dimensioni digitali.
  • Formare e predisporre il personale degli enti a lavorare per obiettivi.
  • Creare piani economici in funzione dello sviluppo sostenibile, progetti di sostenibilità economica e modelli di business in sintonia con la realtà, con il contesto e con la tipologia della struttura.
  • Definire nuove possibilità di collaborazione istituzionale tra pubblico e privato, tra cultura e impresa.
  • Relazionare il museo con il territorio circostante creando delle partnership valoriali, iniziando dal comparto turistico: il museo diventa destinazione.