1191
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-1191,theme-brick,cookies-not-set,select-core-1.2.1,woocommerce-no-js,brick-theme-ver-3.2,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,side_menu_slide_from_right,vertical_menu_enabled,vertical_menu_left,vertical_menu_width_290,columns-4,type2,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive
 

Marketing Territoriale

Creare relazioni sinergiche tra musei e territori

Marketing Territoriale

Fare turismo significa fare affari. Il turismo ha i suoi mercati con regole precise, con domanda e offerta. L’attività turistica, infatti, richiede strategie simili a quelle di un’azienda privata che deve internazionalizzarsi.

Anche in questo caso, l’elemento principale è la conoscenza del turista: conoscere i suoi desideri offre un vantaggio enorme che si trasforma in proposte di tour building esperienziali e olistiche. Il nuovo Marketing territoriale propone una visione che separa dall’eccessivo utilizzo della ragione cercando di esaltare, attraverso originali piattaforme emozionali, un’armonia tra corpo, mente e anima.

Si viaggia alla ricerca di qualcosa che ci stupisca e ci meravigli: dai luoghi esperienziali caratterizzati da proposte culturali, al benessere di mete rilassanti propedeutiche a una nuova connessione con noi stessi e con le nostre vocazioni interiori. Da una parte l’esperienza vissuta da protagonista con percorsi enogastronomici e culturali, dall’altra un contesto dove ritrovare la serenità e l’amore incondizionato per la vita. Anche in questo caso, la tecnologia funzionale potrebbe perfezionare le esperienze del turista.